lunedì 10 gennaio 2011

Ah, ecco


  • Il Papa: «La libertà religiosa nella Ue è minacciata dall'educazione sessuale»
    (Corriere.it)

Ah, ecco.
Era un po' di tempo che avevo trascurato gli inquina-menti del Vaticancro.
L'ignoranza sessuale sarebbe requisito della "libertà religiosa". Carino il presupposto della "cultura" religiosa.
Questi mestieranti d'anime e di potere continuano a voler mantenere li_pecuri nell'ignoranza più crassa.
Altrimenti, 'sti cazzo di pastori, che farebbero senza pecore un po' sceme un po' belle'gnoranti?
E pensare che 'sta roba qui nella republichetta italiana papalina ha un potere così invasivo, permeante e corruttrice delle istituzioni che riesce a influenzare e determinare e imporre le peggiori leggi religiose anche a quelli che si sono emancipati da questa indegnità.

E che non sentiamo ancora la robbba islamica. I due peggio sono a braccetto.




8 commenti:

Babi70 ha detto...

MMMhhh...ma sei sicuro che fosse scritto proprio cosi' sul Corrirere o, come spesso accade, hanno estrapolato una frase da un contesto piu' articolato? Non voglio difendere il vaticano, ma per quanto ne so il papa attuale e' stato uno che ha parlato bene della sessualita' nella coppia e in generale come espressione piu' alta dell'essere umano (vedi prima enciclica)...che poi l'educazione bigotta delle nostre mamme nonne abbia fatto il suo non c'e' che dire, e' vero. Non credo pero' che gli attuali cattolici siano cosi' pecoroni...le chiese sono vuote, nessuno si sperica per difendere i cosiddetti "valori"...mah...vorrei leggere l'articolo.

AWomanAMan ha detto...

x Babi70:

Andiamo al virgolettato

«Proseguendo la mia riflessione - ha detto Ratzinger nella sua ampia disamina sulla libertà religiosa - non posso passare sotto silenzio un'altra minaccia alla libertà religiosa delle famiglie in alcuni Paesi europei, là dove è imposta la partecipazione a corsi di educazione sessuale o civile che trasmettono concezioni della persona e della vita presunte neutre, ma che in realtà riflettono un'antropologia contraria alla nostra fede e alla retta ragione alle credenze cattoliche».



nostra è una mia aggiunta;

il testo barrato (alla retta ragione)

è stato sostituito con la mia aggiunta, sempre in corsivo

  alle credenze cattoliche



La dottrina delle chiesa in maniera sessuale è un coacervo di divieti e precetti che non hanno nulla a che fare con l'amore, il ben-vivere ma che hanno come disegno strategico la castrazione pro sublimazione-addomesticamento del folk, la zootecnia religiosa e l'espansionismo/crescita demografica, la misoginia.

Un sacco di parolono più o meno dotti che presuppongono che le credenze cattoliche siano giuste e il resto sbagliato.

E' pazzesco tutto ciò. La sovversione della realtà e della verità da parte dei cattocattolici è continua.

L'educazione sessuale (supposto anche fosse "sbagliata" dal punto di vista cattolico) dovrebbe, a rigor di logica, permettere alle persone di scegliere.

Ma ti pare abbia un senso che li_pecuri possano scegliere? abbiano qualche forma di arbitrio.

Giammai!

AWomanAMan ha detto...

I commenti su splinder non supportano il testo barrato.

Scusate.

anonimo ha detto...

Insomma a man..Io credo che conoscere Dio, sia molto di più d'una semplice acquisizione nozionistica di che cosa sia la chiesa ed il suo credo, le pratiche e tanto altro..e tutto il processo d'umanizzazione di cui te parli e compagnia bella...

Dicevo che, le chiese possono essere apparentemente vuote, ma se c'è Dio dentro, se Dio ti dona la conversione per mezzo dello spirito santo ecco, ti basta per credere che Dio c'è..non hai necessità di altro...

Poi però giustamente..dall'alto scendi giù in basso e ti rendi conto che se la vita spirituale e la vita secolare coincidessero, se quella luce e quello spirito meraviglioso che l'amore verso Dio illumina il tuo interno si mutasse in" famiglia" con cui condividere le tue giornate, con cui costruire la tua casa con cui condividere non solo i tuoi pensieri, ma le tue gioie i tuoi dolori, le tue domeniche,il tuo lavoro, la tua vita..Allora, non avresti più necessità di compiere una scelta, perchè se Dio ha scelto per te, sarà tutto esattamente come deve essere, l'arbitrio dell'uomo in tutto questo può incidere ma solo in parte...

Tu mi parli di scelta..io dico che sia una questione di musica interiore..se la musica interiore crea senso d'eternità e d'armonia, il cosmo ti sorride ed il tuo passo procede sicuro e saldo..Non hai più scelte da compiere, sai esattamente ciò che vuoli, il tuo animo si predispone in maniere gentile per accogliere il mistero di Dio che ancora deve rivelarsi a te, la vita diviene priva d'ansietà, ed ogni tuo dubbio si dissolve..

Osservo, il cerchio d'un cd, come il cerchio del sole come il cerchio della vita che stringe a se elementi dotati della stessa materia di luce..

Un sospiro e..tutto passa..Ma chi fa la volontà di Dio resta per sempre...

Credo che l'educazione all'eternità servirà..certo che servirà..ecco per cominciare si dovrebbe ascoltare più musica per essere più felici e meno dubbiosi..qualcuno dice che anche i bambini si tranquillizzano nel ventre materno se ascoltano sinfonie melodiose..Ritengo che tutto questo non possa che essere vero..

A man tu che dici eh?

AWomanAMan ha detto...

x utente anonimo (#5):

> Insomma a man..Io credo che conoscere Dio, sia molto di più d'una semplice acquisizione nozionistica

> di che cosa sia la chiesa ed il suo credo, le pratiche e tanto altro

> e tutto il processo d'umanizzazione di cui te parli e compagnia bella...



Cosa dico?

Perché andare a voler conoscere dio fuori, in chiesa o altrove? inizia ad accorgerti che tu sei ill tempio, fatto a immagine e somiglianza...

Dico che il proceduralismo religioso e i suoi regolamenti riguardano quasi esclusimente procedure per portare la massa ad uno stile di vita considerato corretto dai pastori in base a certi loro crieri.

Non c'è nulla di divinatorio, spirituale nella gran parte di tali regolamenti.



L'amore può riversarsi e traboccare su famiglia e prossimo.

Ciò che non si dice, in genere, in ambito religioso, è che prima tu devi essere colmo d'amore prima, altrimento non trabocca nulla e parte della bottiglia rimane vuota.

Ovvio, no!?

anonimo ha detto...

Io dico..così:

17 anni undici mesi e 11 giorni...

Non dico altro..anche se in tutta onestà avrei voluto tanto, non sentirmi costretta, per volere di terzi ad aspettare così tanto..

Non foss'altro perchè in costanza di maturità la cosa peggiore che possa veramente capitarti e sentire che la tua vita ti venga gestita da tutti i parenti, dal vicinato e persino dalla conoscenze..Ognuno ha avuto possibilità d'esprimersi nel merito (eccetto tu)..

Tuo padre

tua madre

tuo fratello

persino la cognata tua nipote ed anche il cane..eccetto tu..

Il giudice disse già un anno fa, il bambino vedrà la luce a febbraio..perchè a febbraio c'è lo scadere dei due anni..nulla di più..

Che dirti?

Facciamo come dici tu..ok?

Puoi immaginare tu al mio posto come ti sentiresti? consentimi di dirti che pesa tantissimo pensare che magari tra pochi giorni sarà il tuo compleanno ed è l'ennesimo che trascorri senza poter abbracciare la persona che ami..dopo il Natale da separati, dopo la pasqua da separati dopo l'estate da separati ed anche lo scorso Natale da separati.. anche se spiritualmente sempre uniti..Dovevamo morire per riotrovarci..capisci bene che pesa tantissimo, capisci bene che tutto questo non sia per nulla facile.

Ma che cosa posso dirti?

Che cosa posso dirti di più?

Hai fatto tutto tu..concludi..Questo è quanto..

Ma a tutto questo giustamente non voglio altri tormenti psicologici gratuiti, non sarebbe giusto..Vuoi ancora viverti il tempio? Bene..

Fai un segno tu allora quando giunge il momento..da questa parte si rimane seduti a studiare..ma non lamentarti per la carenza d'impegno particolare o d'entusiasmo particolare..non viverlo come un fake...perchè è solo la normale conseguenza di chi deve per forza aspettare che un termine sia compiuto perchè ha dato la sua parola..

E conosco che a differenza della gente che con te non ha mai mantenuto gli accordi, se te dai la parola di gentiluomo la mantieni sino in fondo..Dunque è anche inutile insistere soprattutto per me che indipendentemente da tutto rimango pur sempre nel torto più marcio che c'è..

Perchè? perchè ho piastrato i capelli dopo averci messo la maschera di bellezza costosissima..e perchè arrivo sempre in ritardo anche il giorno in cui la visibilità della strada è pari allo 0 spaccato..ed è sempre colpa mia ..Punto e basta..e questo non è un pregiudizio bensì un dato di fatto costruito da quella valanga di granitiche certezze che abbiamo costruito in lunghi lunghissimi 10 anni..Insomma a fronte di 10 anni d'immaturità almeno due anni di senno consecutivo li vogliamo dimostrare per garantire la certezza d'una linea retta e continua?

Se vuoi rispondermi t'ascolto come ho sempre fatto, del resto sono quì per questo..ma la mia natura non è quella del latente leone pronto a scoppiare da un momento all'altro..a volte succedono fatti assai strani che tu racconti perchè realmente accaduti e lì racconti in contesti in cui tali circostanze sembrano costruite ad ok per (aggredire) piuttosto che difenderti..

Perchè del resto la verità non ha necessità di difesa alcuna...

Poi effettivamente, chi meglio di te può saperlo?

Risposta: NESSUNO.

anonimo ha detto...

180 giorno...l'avvocato dorme...

dorme ad occhi aperti..secondo te?

tu dici che l'istanza la presenta l'ha già presentata e pagata in anticipo oppure credi soltanto che debba semplicemente trovare il modo per non lasciare spiraglio alcuno al Giudice ed ottemperare nell'immediato?

No dimmelo perchè a questo punto è doveroso

pena condanna ad un risarcimento danni patimenti fisico-morali da farti cadere tutti i capelli..

Cicciuzzo tu lo sai ciò che voglio e sai anche quanto lo voglio

solo che vuoi sentirti costretto

questo c'è..

Dici che poi le donne diventano di quelle che un uomo fa fatica a strapparsele di dosso..

anonimo ha detto...

Giustamente ha ragione anche la nonna sinistroide quando dice al papà, considerato che paghi tu, e che decidi tu, che senso ha tenere la mamma ed il bambino lontani dalla vista del papà..

A questo punto , andate a vivere altrove e punto...

Ora io siccome avevo sentito dell'acquisto della casa da parte del papà..vorrei capire il rustico a che punto sta messo..insomma vorrei capire se io ed il bambino potremmo in realtà confidare nell'idea d'andarci a stare presto..Il prima possibile..

Ecco volevo solo dire al papà di non perdersi nei dettagli..Io lo so di quanto possa essere smanioso che tutto sia terribilmente perfetto..ma se per essere tutto terribilmente perfetto dobbiamo uccidere il bambino..ma io piuttosto rinuncio alla poltrona o alla tendona da 2000.00 euri e piglio il sorriso del mio bambino e la felicità mia e di mio marito..

Mi spiego marito?